ASK THE WATER

Residenza d’artista con mostra finale, Youngeum Museo di Arte Contemporanea, Gwangju, Seoul, Korea. Curata da Jimin Lee e Maurizio Vanni. 2013

ASK THE WATER
ricerca materiali

ASK THE WATER
ricerca materiali

ASK THE WATER
work in progress

ASK THE WATER
work in progress

ASK THE WATER
work in progress

ASK THE WATER
Youngeun Museum of Contemporary Art di Gwangju, Korea

ASK THE WATER
Youngeun Museum of Contemporary Art di Gwangju, Korea

ASK THE WATER
Youngeun Museum of Contemporary Art di Gwangju, Korea

ASK THE WATER
Youngeun Museum of Contemporary Art di Gwangju, Korea

ASK THE WATER
Youngeun Museum of Contemporary Art di Gwangju, Korea

ASK THE WATER
tecnica mista su tela, cm 90x180 cad.

ASK THE WATER
acidatura su lamine su tela, cm 150x110 cad.

previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider


800 milioni di persone non hanno accesso all’acqua da bere.
4000 bambini muoiono tutti i giorni perché non c’è l’hanno.
l’acqua è vita è come l’uomo.
l’acqua cambia in base alle vibrazioni che riceve a seconda che esse siano armoniche e disarmoniche, quindi facciamo attenzione a come parliamo e anche a che cosa pensiamo visto che siamo composti al 70% di acqua.
Masaru Emoto ha dimostrato scientificamente come la cristallizzazione dell’acqua cambi in base alla musica che essa ascolta…. o al linguaggio umano che è sottoposta   E se all’acqua facciamo ascoltare lo scorrere dell’acqua?…
L’idea è stata quella di porre due contenitori d’acqua su due diversi piani d’appoggio con rispettivi bicchieri, da una parte poteva andare chi aveva pensieri negativi e l’invito era quello di esprimerli verso l’acqua, dopodiché si poteva assaggiare la stessa magari confrontandola con quella dall’altra parte sottoposta a pensieri positivi. 
l’acqua ha una memoria cellulare propria e reagisce al nostro linguaggio come fosse viva.
Secondo esperimenti condotti per oltre venti anni l’acqua sottoposta a parole e pensieri positivi forma sempre cristalli regolari e armonici. Se invece esposta a parole e pensieri negativi, reagisce sempre cristallizzando incomplete e disarmoniche.
Il pianeta e noi stessi siamo fatti prevalenza di acqua. se dunque le parole, i pensieri, le immagini possono fare questo all’acqua cosa possono fare a noi al nostro mondo alla nostra vita?
Ho messo in relazione questa necessità primaria con un aspetto più romantico e secondario, ma forse non lo è…, e i due aspetti purtroppo devastanti con cui l’uomo e il pianeta deve ormai sempre di più fare i conti….o è troppa o è scarsa.
 

 

info@christianbalzano.com

Eng / Ita